martedì 17 gennaio 2017

Dal fiume Brembo al lago d'Orta

Il mio inizio anno agonistico è stato improntato alla novità. Infatti ho corso due “prime”. Il 6 gennaio ho corso praticamente in casa, partecipando alla “Mezza sul Brembo”, organizzata dalla nostra società. Prima partecipazione ma su di un percorso che praticamene posso affermare di conoscere metro per metro, beh non esageriamo... diciamo chilometro dopo chilometro!

domenica 8 gennaio 2017

Il regalo che non ti aspetti

6 gennaio: da tre lustri la Befana portava nella calza il dono di una maratona, o meglio io correvo la Maratona. Nei primi anni di questo secolo la mitica “Maratona sul Brembo”... “, la più amata dagli italiani...” - almeno questo affermava Cavallo Pazzo – poi, da quando questa si è “addormentata”, la “Maratona di Crevalcore”. Queste due maratone avevano delle peculiarità che le rendevano uniche: quella sul Brembo si correva su di un anello da ripetere 20 volte; quella di Crevalcore si snodava nella pianura bolognese devastata dal terremoto ed essere presente aveva un sapore che andava ben al di là della semplice presenza sportiva. Correre lì voleva dire essere vicini di fatto e non solo a parole.
Lo scorso 6 gennaio, per me, una nuova gara: la “Mezza sul Brembo”, novella araba fenice della Mezza che si disputava in concomitanza con la maratona. Per la verità solo il pettorale di gara la rendeva per me nuova!

domenica 1 gennaio 2017

L'età avanza, la gamba è stanca

… ma sul parco non sventola bandiera bianca! Prendo a prestito lo spunto dalla famosa poesia “L'ultima ora di Venezia” di Arnaldo Fusinato, nella quale esprime tutto il suo sconforto per la caduta in mani nemiche della città. Modifico non solo le parole, come ovvio, ma inverto pure il senso: non sconforto, ma speranza. Anche quest'anno infatti si è svolto “l'antico rito Runners Bergamo” della corsa sull'anello del Parco Callioni, in frazione Roncola di Treviolo. Negli anni passati molti erano i Runners presenti; piano piano questa tradizione è stata quasi dimenticata. Poteva forse Sir Marathon, che dell'anello del parco ha fatto quasi una seconda casa, non rispettare la tradizione?
Certo che no!
Per la verità quest'anno la tentazione di stare ancora qualche minuto sotto le coperte è stata forte, complici le gambe indolenzite per la corsa di ieri, la Presezzo – Roncola – Presezzo, gara che per la prima volta mi ha visto in cima alla Roncola.

sabato 31 dicembre 2016

Anche in questa gara mi sei arrivato davanti...

Venerdì, tarda mattinata. Un programma televisivo ha appena terminato di elencare le persone famose decedute nell'anno che si sta concludendo: Anna Marchesini, Dario Fo, Bud Spencer, Fidel Castro, Ettore Scola e... tanti altri. Un velo di tristezza mi avvolge, perché raggiunta una certa età il tema della morte, della propria morte, anche a livello inconscio ti prende: il traguardo, quello che vorresti raggiungere il più tardi possibile e che sai fin da ora che sarà il tuo ultimo traguardo, inarrestabilmente si avvicina. La mente tenta di mediare questo tuo malessere, in fin dei conti i personaggi famosi hanno raggiunto tutti una bella età e pensando che anche tu la possa raggiungere piano piano ti tranquillizzi.
Ma... squilla il telefono. È Ferdinando che con voce rotta dall'emozione mi dice che è morto in un tragico incidente di montagna Franco Togni, un nostro compagno dei Runners Bergamo.

martedì 27 dicembre 2016

I miracolati del Santuario della Basella

Da diversi secoli il 25 di dicembre si festeggia il Natale; da un paio di decenni il 26 dicembre si corre la “Maratonina di Zanica”, organizzata dal GS Insieme con Amicizia, appuntamento a cui i podisti bergamaschi, e non solo, non vogliono e non … possono mancare. Diversi sono i motivi: percorso piatto, molto adatto per smaltire i “ bagordi” del giorno di Natale, un ricco ristoro finale con cui continuarli; la palestra dove si svolgono le operazioni “pre” e “post” gara riscaldata ed accogliente, ottima soluzione per potersi scambiare gli auguri di buone feste, tracciare un riassunto dell'anno appena terminato e prendere accordi per gli appuntamenti dell'anno nuovo ed infine... è l'unica gara in programma! Questo dimostra che se ben organizzate non importa la data di svolgimento, la massiccia partecipazione degli atleti è assicurata, e questo indipendentemente dal circuito, FIASP o CSI, in cui la gara è inserita. Quest'anno infatti la gara, per la prima volta, esce dalla FIASP ed entra nel CSI. Credo che l'edizione di quest'anno abbia raggiunto la massima partecipazione, questo anche merito della bellissima giornata di sole.

giovedì 22 dicembre 2016

Comunque vada, sarà un successo!

Domenica si è svolta a Bergamo l'undicesima edizione della non competitiva “Bergamo ha un cuore grande”, gara organizzata dall'Associazione Cure Palliative ONLUS, che ha saputo abbinare il lato sportivo della camminata alla divulgazione delle finalità proprie dell'organizzazione: assistenza domiciliare per i malati in fase avanzata e sostegno dell'Hospice di Borgo Palazzo (clicca qui per maggiori dettagli). Come sempre, nutrita la partecipazione dei podisti, non solo bergamaschi, che, nonostante la rigida temperatura (alla partenza il termometro segnava -3°), hanno voluto onorare più che la gara le finalità proposte dall'organizzazione.
Il percorso proponeva un tracciato che partendo da Bergamo Bassa aveva come punto più alto il colle di San Vigilio, con la parte finale sulla ciclabile della Green Way. Percorso tracciato dal buon Mao, che non conosce la parola “pianura”. Ma questa volta sembra che il buon Mao abbia “toppato” (eh sì, qualche volta anche i migliori sbagliano!). Uhmm, cosa può aver sbagliato?

lunedì 12 dicembre 2016

“E no, così non si fa!”

Mese di dicembre, due eventi che lo segnano: il Natale e la Maratona di Reggio. Più antico il primo evento, maggiorenne ieri il secondo. Evabbè, maggiorenne secondo le leggi di qualche anno fa!
Ieri si è disputata la 21a edizione della “Maratona di Reggio Emilia, città del Tricolore”, organizzata dalla società Tricolore Sport Marathon. Partecipare a questa gara è uno degli obiettivi che mi pongo all'inizio dell'anno e … anche quest'anno obiettivo raggiunto!
Ventuno edizioni, ventuno partecipazioni.

lunedì 5 dicembre 2016

Da Pecora Nera a Pecora Solitaria...

… e pure Nera!
Era da un po' di tempo che il gregge delle Pecore Nere non partecipava ad una gara al gran completo. Pensandoci bene anche ieri non si era al gran completo: mancava la quarta pecorella, Dario, il “Mao”, ancora alle prese con i suoi problemi, di cui sembra non vedere la fine. Quello che più lo amareggia è il fatto che ogni volta che si reca dal medico gli dicono che è tutto a posto e che ci vuole pazienza, etc. etc. Gli danno pure un consiglio che sa di presa in giro: “Per non avere problemi quando si corre … basta non correre!”. Sarebbe come dire che per non avere problemi di digestione basta non mangiare. Forse il paragone potrebbe sembrare poco consono, ma per chi ha la corsa nel “sangue” calza a pennello: il non poter correre è come digiunare. Ora basta, mi sono dilungato un po' troppo, ma come dimenticare un amico che da è “digiuno” da qualche mese? Un solo augurio: “Torna presto, ti aspettiamo!”.

martedì 29 novembre 2016

Anche questa è protezione civile

In questi giorni in cui le alluvioni stanno devastando il Piemonte, si vedono in azione personale e mezzi della Protezione Civile. Le loro azioni in molti casi salvano vite umane o più “semplicemente” cercano di eliminare o quantomeno diminuire i danni provocati dal maltempo. È un buon segnale vedere che qualche volta anche nel nostro paese ci sono cose che funzionano. Nella mattinata di domenica 27, anche in provincia di Vercelli e più precisamente nella zona di Trino Vercellese e paesi limitrofi, vi era un grande spiegamento non tanto di mezzi ma di addetti della Protezione Civile a cui era affidato il compito di presidiare i paesi e le strade che li collegano. Vi state preoccupando? Protezione Civile in azione a Trino Vercellese? Ma Trino Vercellese è il paese dove c'è una centrale atomica? (vedi) O dove c'è il più grande deposito di mezzi corazzati dell'intera Europa? (vedi) Tranquilli, non sono esplosi i carri armati e non si sono verificate perdite radioattive!

martedì 22 novembre 2016

Quattro salti indietro nel tempo

Potrà sembrare strano ma domenica scorsa ho corso una “prima” in provincia di Bergamo. Si tratta della non competitiva organizzata dagli Alpini e dall'AVIS AIDO di Levate e denominata “Quater sallc coi rane”. Non che fosse una prima edizione - se non erro la manifestazione è giunta alla sesta edizione - ma per vari motivi mi era sempre sfuggita. Notizia di poco conto per trovare l'ispirazione per un post, come anche poco interesse destava il percorso quasi tutto su asfalto (molto gradito però, trattandosi di una giornata piovosa), immerso nella campagna appena fuori Bergamo, sfiorando la zona industriale di Dalmine.